Grazie alla nostra posizione si possono raggiungere tutte le più importanti località turistiche della zona : Milazzo, Le Isole Eolie, Portorosa, Tindari, I laghetti di Marinello, Taormina.

Effettuiamo transfer GRATUITO (diurno e previa prenotazione) da e per la stazione ferroviaria del nostro paese e/o fermata bus/uscita autostradale.. Per altri generi di transfer chiedete sempre a noi, sapremo indicarvi la migliore tariffa del momento.

Se è la prima volta che venite da queste parti affidatevi alla nostra esperienza e vi diremo noi stessi come raggiungerci nel modo piu economico e veloce, dall’aeroporto/stazione.

VI INDIRIZZEREMO AL MEGLIO SU EVENTUALI TRANSFER/ESCURSIONI GIORNALIERE VERSO LE METE DI MAGGIORE INTERESSE TURUSTICO.

LUOGHI DI INTERESSE

IL CASTELLO DI BAUSO (IN PAESE)

L'etna

Fu il Conte Stefano Cottone, mercante e banchiere tra i più importanti di Messina, a far costruire nel 1590 il primo borgo che ha forma di castello (esso è conosciuto come Castel Nuovo), come conferma la frase riportata nell’epigrafe situata sul portale del bastione sud-est : «[…] a difesa dalle incursioni da terra e dal mare, Stefano Cottone, IV signore di Bauso, eresse le mura dalle fondamenta …nel 1590…CONTINUA

U BAMBARIZZU
(Festa del Patrono, in paese)

L'etna

Nel primo pomeriggio del 05 Dicembre, dal lungomare, una barca viene trainata dai pescatori da far bruciare in onore del Santo mentre, in contemporanea, da piazza Castello si snoda la sfilata della corte principesca. I due cortei si riuniscono in piazza Dante dove va in scena il “rito” dello scambio della chiave della cittadina tra cortigiani e pescatori, preceduto da uno spettacolo del fuoco, ed alle 20, infine, si accende il grande falò del “Bamparizzu” in Piazza Castello davanti alla Chiesa San Nicolò di Bari appunto. Gli appuntamenti della giornata si concludono con la sagra del Pane caldo con olio e l'esibizione di gruppi Folkloristici…CONTINUA

LE ISOLE EOLIE

Le Isole Eolie

L'arcipelago delle Isole Eolie prende il nome dal Dio Eolo, dio incontrastato dei venti, ed è formato da sette isole (Lipari, Salina, Vulcano, Stromboli, Filicudi, Alicudi, Panarea) disseminate lungo la costa nord orientale della Sicilia, esse sono sparse come a formare una grande Y di cui Vulcano è l'estremità più bassa ed Alicudi e Stromboli le due punte rispettivamente più a ovest e più a est.

L'ETNA

L'etna

L’Etna (Mungibeddu o 'a Muntagna in siciliano) è un complesso vulcanico siciliano originatosi nel Quaternario e rappresenta il vulcano attivo terrestre più alto della Placca euroasiatica. Con le diverse eruzioni ad esso connesse ha modificato incessantemente il paesaggio, minacciando spesso le diverse popolazioni che nei millenni si sono insediate intorno ad esso. La sua superficie è caratterizzata da una ricca varietà di ambienti che alterna paesaggi urbani, folti boschi che conservano diverse specie botaniche endemiche ad aree desolate ricoperte da roccia magmatica.

IL MUSEO DELLA MEDICINA (IN PAESE)

L'etna

Inaugurato nel 2004 dopo una convenzione stipulata fra l’Amministrazione Comunale e il Dottore Paolo Badessa, il Museo della Medicina e degli strumenti medicali è sito in una palazzina in stile liberty di via Rovere. All’interno vi sono, collocati in delle apposite teche, circa 200 reperti di alto valore scientifico, databili fra la fine del ‘700 e il 1940. Per gli orari di apertura o visite guidate rivolgersi al nostro personale.

SANTUARIO GESU' ECCE HOMO
(IN PAESE)

L'etna

La nobile principessa Donna Eleonora Moncada, al cui casato era infeudato quasi tutto il territorio di Calvaruso, fece erigere sul poggio di S. Giovanni, sito di fronte al piccolo centro, una chiesa con annesso convento da affidare alla custodia dei Francescani Minori Riformati. Inizialmente dedicato alla Vergine Immacolata, l’edificio venne definitivamente consacrato al culto dell’Ecce Homo dopo la realizzazione, nel 1634, della statua lignea raffigurante il Cristo nella sua sofferenza terrena da parte di Giovan Francesco Pitorno, al secolo Frate Umile da Petralia. La leggenda vuole che il volto della scultura sia stato realizzato dagli angeli, non essendo stato capace, Frate Umile, di ultimare la statua nel laboratorio del castello Moncada. L’edificio sacro si ricorda soprattutto per le opere d’arte che esso preserva, a partire dalla succitata seicentesca statua lignea dell’Ecce Homo, scolpita in legno di cipresso, passando per la seicentesca tela raffigurante l’Immacolata insieme a San Francesco, Santa Margherita, Santa Chiara e Sant’Anna…CONTINUA

TAORMINA

Taormina

Taormina è uno dei centri turistici internazionali di maggiore rilievo della Sicilia conosciuta per il suo paesaggio naturale, le bellezze marine e i suoi monumenti storici. Taormina è situata su una collina a 206 m di altezza sul livello del mare, sospesa tra rocce e mare su un terrazzo del monte Tauro, in uno scenario di bellezze naturali, unico per varietà e contrasti di motivi, sulle pendici meridionali dei monti Peloritani della riviera ionica con l'Etna sullo sfondo.

TINDARI E MARINELLO

L'etna

Mito, arte, cultura, paesaggi da fiaba: questa è Tindari, amena località nel golfo di Patti situata all'interno dell'omonimo comune in provincia di Messina. Fondata nel 396 a.c. da mercenari siracusani della guerra contro Cartagine per volere di Dionisio di Siracusa, l'antica città di Tindari deve il suo nome a Tindaro re di Sparta. Sotto il promontorio si estende la Laguna di Oliveri, detta anche di Tindari, un braccio di mare di eccezionale bellezza oggi riserva naturalistica per la presenza contemporanea di un caratteristico ambiente salmastro di tipo lacustre con sabbie marine, e meta dei turisti che si recano alla spiaggia di Marinello, anch'essa oggetto di una leggenda secondo cui si sarebbe formata in seguito alla caduta di una bambina - ritrovata illesa - dal promontorio del santuario.

Copyright © B&B CASTELLUCCIO | Bed and Breakfast | Via San Giuseppe Calasanzio, 134 | 98049 Villafranca Tirrena (ME)
RECEPTION (H24) +39 349 84 92 867 | Tel./Fax +39 090 33 00 49 | bebcastelluccio@gmail.com